Passa ai contenuti principali

2010 L'ANNO DELLA BIODIVERSITA'

La Convenzione sulla diversità biologica (CDB) entrata in vigore il 29 dicembre 1993, ha tre obbiettivi fondamentali: conservare la diversità biologica al fine di utilizzarla in modo durevole e spartire i benefici che ne derivano in modo giusto ed equilibrato.

 Il 2010 è stato dichiarato l'anno della biodiversità,  risollevare un pò le sorti del nostro pianeta, è un obiettivo che i governi dovrebbero consegure il pù rapidamente possibile. Forse molti di noi non se ne rendono conto ma ci troviamo di fronte ad una grave crisi della biodiversità, la varietà di animali, piante, il loro habitat sono più che mai minacciati. Noi esseri umani siamo parte di questa diversità biologica e da essa dipendiamo in molti modi. Secondo lo IUCN il tasso di specie animali e vegetali in via di estinzione, e il ritmo con cui gli ecosistemi vengono distrutti, stanno aumentando ogni giorno.
La biodiversità è il fondamento della vita sulla Terra. Da ciò dipende il funzionamento degli ecosistemi da cui derivano i prodotti e tutti quei servizi essenziali, come l'ossigeno, cibo, acqua potabile e medicinali di cui facciamo utilizzo ogni giorno. Una biodiversità sana è essenziale per il benessere dell'uomo, lo sviluppo sostenibile e la riduzione della povertà. Ma la gente, soprattutto nel mondo sviluppato, è ormai molto lontana dalla natura e abbiamo dimenticato quanto facciamo affidamento su di esso.
Il tasso crescente di estinzione delle specie, che è fino a 1.000 volte il 'background' o tasso naturale, dimostra che il mondo naturale non può sostenere la pressione che l'umanità sta ponendo su di essa. La biodiversità si sta perdendo attraverso la distruzione degli habitat, la conversione terra per l'agricoltura e lo sviluppo, il cambiamento climatico, l'inquinamento, la diffusione di specie invasive e una miriade di altre minacce.

Sempre secondo lo IUCN ecco alcuni dati relativi ai problemi riguardanti la biodiversità:


  • 17.291 specie su 47.677 finora valutate sono minacciate di estinzione.

  • Di 5.490 mammiferi al mondo, 79 sono estinte o estinte in natura, e 188 gravemente minacciate di estinzione, 449 minacciate di estinzione e 505 vulnerabili.

  • 1.895 dei 6.285 anfibi del pianeta sono in pericolo di estinzione, questo fa si che siano il gruppo più a rischio di specie conosciute fino ad oggi.

  • Più di 70.000 specie di piante sono usate nella medicina tradizionale e moderna.

  • Le barriere coralline forniscono cibo, la tutela tempesta, posti di lavoro, attività ricreative e di altre fonti di reddito per oltre 500 milioni di persone in tutto il mondo ancora il 70% delle barriere coralline sono minacciati o distrutti.

  • La biodiversità è essenziale per la sicurezza alimentare globale e la nutrizione e serve anche come una rete di sicurezza per le famiglie povere nei momenti di crisi.

  • La diversità dei geni all'interno delle specie, ad esempio rappresentato da razze animali e le varietà vegetali, è importante anche per l'agricoltura e la sicurezza alimentare. Una maggiore diversità riduce il rischio di malattie e aumenta la nostra capacità di adattamento ai cambiamenti climatici.

Commenti

Post popolari in questo blog

IL POTENZIALE IDRICO NELLE CELLULE VEGETALI E NEL TERRENO.

Le piante hanno bisogno di una ingente quantità d'acqua per sopravvivere, solo che di tutta l'acqua che esse assorbono dal terreno, la stragrande maggioranza viene rilasciata nell'atmosfera sottoforma di vapor acqueo a causa di un processo noto come traspirazione ; di conseguenza le piante devono continuamente rimpiazzare l'acqua che perdono con altra che assorbono dal terreno. Ciò causa la formazione di un continuo flusso di acqua che va dal terreno all'atmosfera noto come continuum suolo-pianta-atmosfera . La traslocazione dell'acqua nel sistema suolo-pianta-atmosfera, si basa su differenze di potenziale idrico entro e fra queste tre componenti.

FATTORI ECOLOGICI: relazioni tra organismi e ambiente fattori limitanti e nicchia ecologica.

Il successo di un organismo in un determinato ambiente dipende dalla armonica interazione di vari fattori ecologici. Col termine fattore ecologico  indichiamo qualsiasi componente chimica, fisica, biologica, che può influire sul modo di vivere di un organismo, sulle sue capacità di sfruttare le risorse. L'insieme di fattori ecologici può essere suddiviso in modo un pò arbitrario in due grandi famiglie: fattori biotici e fattori abiotici. I primi sono rappresentati dalle interazioni intraspecifiche (competizione) e interspecifiche ( predazione , simbiosi mutualistica , parassitismo ecc...). Le seconde, sono fattori come il clima, la luce, le caratteristiche chimico-fisiche del suolo ecc...

DECOMPOSIZIONE DELLA MATERIA ORGANICA.

La disponibilità di nutrienti in un suolo può influenzare la produttività primaria , ma quale processo è coinvolto principalmente nel determinare la presenza dei nutrienti in un suolo? Un ruolo di fondamentale importanza è svolto dalla decomposizione. Per fare un paragone se con il processo fotosintetico si assiste alla sintesi di composti organici con la decomposizione si determina un rilascio di composti inorganici, se con la fotosintesi assistiamo ad una fissazione e trasformazione dell'energia solare in energia chimica di legame con la decomposizione abbiamo rilascio di energia nell'ambiente. Un ruolo primario nei processi di decomposizione della materia organica lo svolgono gli organismi del suolo.