Passa ai contenuti principali

IL REGNO UNITO IMPORTA INSETTI PER AFFRONTARE UNA PIANTA INVASIVA.

Un ecosistema presenta un particolare equilibrio, quando si introducono specie non autoctone quest'ultime possono causare seri problemi. Per la prima volta nella storia del Regno Unito, una specie aliena (che significa una specie non nativa del luogo!) sarà lasciata libera nel tentativo di combattere la crescita di un'altra specie, anch'essa introdotta, in un ambiente totalmente differente dal suo ambiente naturale.
Milioni di insetti  (Aphalara itadori) saranno importati nel Regno Unito e utilizzati nella lotta contro la Fallopia japonica, una specie di pianta invasiva importata per la prima volta in epoca vittoriana, la quale da allora è diventata una seria minaccia per l'intero ecosistema del regno unito. Tutte le specie esotiche sono considerate "invasive", una volta che diventano difficili da controllare...

Secondo alcuni studi  "tale pianta riesce a crescere attraverso il cemento e l'asfalto, causando danni ad edifici e  muri, indebolendo le difese degli argini, e soffocando la crescita di altre piante". Insomma una vera e propria emergenza anche onerosa se si pensa che il Regno Unito spende ogni anno 2,4 miliardi di dollari nella lotta contro questa pianta.
Come se non bastasse, la Fallopia japonica non ha predatori naturali nel Regno Unito, ma ecco trovata la soluzione (almeno si spera) l'insetto Aphalara Itadori è il nemico naturale di questa pianta, infatti in Giappone, esso aiuta a mantenere sotto controllo la crescita di questa pianta. In realtà, questo insetto mostra una certa preferenza nel cibarsi di questa pianta. E secondo i test condotti dal Centro per l'agricoltura no-profit e Bioscienze International (CABI), il psyllid non si nutrono di nessuna altro tipo di  pianta autoctona. (Anche se sarà, a sua volta, mangiato dai predatori locali.)
Il problema però sembra toccare anche altre nazioni infatti la Fallopia japonica è anche diffusa in tutto il Nord America, e il Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti la classifica come specie invasiva. Secondo la conservazione delle specie vegetali Alliance, che fornisce alcune risorse su come combattere le erbe infestanti, "La fallopia iaponica si diffonde rapidamente e forma una fitta boscaglia che esclude la vegetazione nativa  e altera fortemente l'ecosistema naturale. Essa costituisce una grave minaccia per le zone rivierasche, può sopravvivere a gravi inondazioni ed è in grado di colonizzare rapidamente svariati ambienti. Una volta stabilitasi in un luogo, le popolazioni sono estremamente persistenti ".
Ovviamente, l'introduzione di una specie aliena per combatterne un altra ha talvolta conseguenze impreviste, basti pensare a ciò che è successo in Australia con i rospi. Ma CABI sottolinea che l'introduzione del rospo della canna in Australia nel 1935 per il controllo dei coleotteri parassiti è stato effettuato contro il parere degli scienziati, dando nefasti risultati.
Nel frattempo, fonti del governo britannico riferiscono che questo è il modo migliore per liberare il paese del Fallopia japonica: "Questo progetto non solo è innovativo, ma offre una reale speranza che si possa ristabilire l'equilibrio."
Un insetto simile all' aphalara itadori è stato rilasciato in Florida, pochi anni fa per combattere la (Melaleuca quinquenervia), un albero invasivo proveniente dall' Australia, anche se i risultati finora non sono ancora conclusivi.

Commenti

Post popolari in questo blog

IL POTENZIALE IDRICO NELLE CELLULE VEGETALI E NEL TERRENO.

Le piante hanno bisogno di una ingente quantità d'acqua per sopravvivere, solo che di tutta l'acqua che esse assorbono dal terreno, la stragrande maggioranza viene rilasciata nell'atmosfera sottoforma di vapor acqueo a causa di un processo noto come traspirazione ; di conseguenza le piante devono continuamente rimpiazzare l'acqua che perdono con altra che assorbono dal terreno. Ciò causa la formazione di un continuo flusso di acqua che va dal terreno all'atmosfera noto come continuum suolo-pianta-atmosfera . La traslocazione dell'acqua nel sistema suolo-pianta-atmosfera, si basa su differenze di potenziale idrico entro e fra queste tre componenti.

FATTORI ECOLOGICI: relazioni tra organismi e ambiente fattori limitanti e nicchia ecologica.

Il successo di un organismo in un determinato ambiente dipende dalla armonica interazione di vari fattori ecologici. Col termine fattore ecologico  indichiamo qualsiasi componente chimica, fisica, biologica, che può influire sul modo di vivere di un organismo, sulle sue capacità di sfruttare le risorse. L'insieme di fattori ecologici può essere suddiviso in modo un pò arbitrario in due grandi famiglie: fattori biotici e fattori abiotici. I primi sono rappresentati dalle interazioni intraspecifiche (competizione) e interspecifiche ( predazione , simbiosi mutualistica , parassitismo ecc...). Le seconde, sono fattori come il clima, la luce, le caratteristiche chimico-fisiche del suolo ecc...

DECOMPOSIZIONE DELLA MATERIA ORGANICA.

La disponibilità di nutrienti in un suolo può influenzare la produttività primaria , ma quale processo è coinvolto principalmente nel determinare la presenza dei nutrienti in un suolo? Un ruolo di fondamentale importanza è svolto dalla decomposizione. Per fare un paragone se con il processo fotosintetico si assiste alla sintesi di composti organici con la decomposizione si determina un rilascio di composti inorganici, se con la fotosintesi assistiamo ad una fissazione e trasformazione dell'energia solare in energia chimica di legame con la decomposizione abbiamo rilascio di energia nell'ambiente. Un ruolo primario nei processi di decomposizione della materia organica lo svolgono gli organismi del suolo.