giovedì 23 settembre 2010

SPECIE ANIMALI E CAMBIAMENTI CLIMATICI: il pesce pagliaccio


I cambiamenti climatici sono destinati a diventare una delle cause principali di estinzioni di specie nel 21 ° secolo: circa il 20-30% delle specie vegetali e animali sono esposte al rischio sempre più elevato a livello mondiale di un innalzamento medio delle temperature.
Nonostante il cambiamento climatico che sta attraversando il nostro pianeta abbia profonde ripercussioni su tutti gli ecosistemi e le specie animali, ce ne sono alcune che soffrono più di altre tali cambiamenti.
Un recente rapporto della IUCN ( qui il link dell'articolo) identifica 10 specie che sono più vulnerabili ai cambiamenti climatici.

IL PESCE PAGLIACCIO  (famiglia: Pomacentridae), conosciuto anche come pesce anemone, sono alcune delle icone del mondo marino. Essi sono molto popolari tra i subacquei a causa della loro combinazioni di colori sorprendente di bianco, arancio, giallo e marrone. Ci sono un totale di 28 specie di pesci pagliaccio, sono tutti molto simili nelle loro abitudini. Forse il più celebre di questi è il pesce pagliaccio comune (Amphiprion ocellaris), che è stato reso popolare dal film di Walt Disney 'Alla Ricerca di Nemo '.

Che cosa sappiamo del pesce pagliaccio?
I Pesci pagliaccio si trovano in aree tropicali e subtropicali degli oceani Pacifico e Indiano. La più grande diversità di pesce pagliaccio si trova nei pressi della Papua Nuova Guinea, anche se la Grande Barriera Corallina in Australia, è nota per la presenza di un numero di varianti uniche. All'interno del loro areale, i pesci pagliaccio vivono in ambienti acquatici poco profondi, soprattutto a causa dell'affascinante rapporto che hanno con l'anemone di mare.
Mentre la maggior parte dei pesci sono respinti dalle punture velenose delle anemoni, il pesce pagliaccio acquista un immunità al suo veleno, ed è pertanto in grado di utilizzare l'anemone per la propria protezione contro i predatori. In cambio, il pesce pagliaccio mantiene l'anemone che lo ospita in uno stato di salute, e impedendo loro di essere attaccati da pesci angelo e dalle tartarughe di mare, (che sono anche immuni ai tentacoli urticanti dell'anemone).
Qualora l'unica femmina muoia, allora il maschio più grande si trasforma in una femmina e la riproduzine continua. Come una larva si sviluppa, comincia a utilizzare segnali chimici presenti nell'acqua per rilevare un anemone adatto ad essere utilizzato come sua nuova casa. Questi segnali permettono ai giovani pesci di scegliere il giusto tipo di anemone, e far sì che sia diverso dal suo luogo di nascita per evitare la consanguineità. Il periodo compreso tra la "cova" e la ricerca di un nuovo anemone particolarmente breve (circa 8-12 giorni),  ciò significa che i giovani pesci pagliaccio non si allontanano subito dai loro genitori  e dall'anemone.

Come influiscono i cambiamenti climatici sul pesce pagliaccio?
L'impatto più significativo del cambiamento climatico sui pesci pagliaccio riguarda principalmente il loro habitat naturale, la barriera corallina e la temperatura dell'acqua. Tali modifiche possono incidere sulla vita dei pesci pagliaccio in vari modi.

Perdita di habitat: declino barriere coralline.
Pesce pagliaccio dipendono da anemoni di mare, che sono più frequente sulle barriere coralline. specie corallino-dipendente come il pesce pagliaccio sarà sicuramente colpito dal declino della barriera corallina. Nel 1998, uno dei più gravi eventi globali mai registrai nella storia, stiamo parlando dello sbiancamento dei coralli, ha portato alla totale scomparsa di diverse specie di anemone di mare utilizzate dai pesci pagliaccio

Un altro problema rilevante è l'aumento dell'acidità degli oceani, infatti è stato dimostrato che può influire sulla capacità del pesce pagliaccio di rilevare i segnali chimici necessari per la navigazione e localizzazione degli anemoni di mare.  I pesci che non sono in grado di individuare un idoneo nascondiglio sono a più elevato rischio di predazione.
I giovani pesci che non sono in grado di localizzare nuove anemoni dove abitare hanno anche maggiori possibilità di tornare a loro luogo originale di nascita. Mentre gli individui possono essere considerato fortunato per almeno ottenere protezione, la rischio di consanguineità in questi pesci è notevolmente aumentato. Adulto pesci pagliaccio, anche se meno sensibili alla perdita di segnali chimici, possono ancora diventare confuso e perso quando avventurarsi lontano dal loro anemone ospite. Un esteso periodo lontano dal loro ospite porta comunemente alla perdita della loro immunità al veleno delle anemoni.
Per riacquistare questa immunità, il pesce pagliaccio deve eseguire una elaborata "danza" che può durare anche diverse ore aumentando il rischio di predazione. Ovviamente danza è un modo di dire, semplicemente consiste nel toccare delicatamente i tentacoli dell'anemone con parti differenti del corpo finché non sono acclimatate con l'anemone. Uno strato di muco sulla pelle del pesce pagliaccio lo rende immune al pungiglione letale dell'anemone, che normalmente si ciba di pesci. In cambio dell'ospitalità, che lo protegge dai predatori, il pesce pagliaccio scaccia gli intrusi e ripulisce l'anemone dai parassiti.

Inoltre tutti i pesci sono 'sangue freddo' il che significa che tutti gli aspetti della loro vita sono fortemente influenzati dalla temperatura dell'acqua circostante. Con l'aumento delle temperature degli oceani gli scienziati ritengono che ben presto potremo vedere dei seri effetti pesce pagliaccio.
Molti pesci pagliaccio hanno mostrato di svilupparsi con una rapidità maggiore del solito con l'aumentare della temperatura dell'acqua. Ci sono ovviamente dei potenziali benefici immediati per gli individui come veloce rotazione riproduttiva, ma la crescita e una riproduzione più rapida in genere sta a significare che gli individui si disperdono a distanze sempre più brevi dal proprio anemone e dai propri genitori 'prima che il loro stadio di sviluppo scattare l'istinto di trovare il loro nuovo anemone casa. Ciò a dei svantaggi, come una maggiore concorrenza nel trovare anemoni da utilizare come rifugio, maggiore probabilità di predazione, e una maggiore probabilità che si verifichino eventi di consanguieità.
Uno di questi risultati, o una combinazione dei due, potrebbe avere conseguenze disastrose per pesci pagliaccio rendendoli particolarmente vulnerabili ai cambiamenti climatici.

A proposito ecco una curiosità divertente sui pesci pagliaccio, cliccate sul link dell'articolo proveniente dal National Geographic Italia; (è un video in verità( Al pesce pagliacio piace il solletico).

Nessun commento:

Posta un commento