lunedì 26 settembre 2011

STUDIO MOSTRA CHE PRESENZA DI AZOTO NELLE ROCCE, POTREBBE MIGLIORARE LE CONDIZIONI CLIMATICHE.


Per la prima volta ricercatori dell'università della California, hanno mostrato che gli alberi della foresta di Fork mountain hanno la possibilità di attingere azoto trovato nelle rocce, con conseguente stimolo per la crescita di tali alberi e una migliore capacità di assorbimento del biossido di carbonio dall'atmosfera.

Lo studio è stato pubblicato su Nature.

L'importanza dell'azoto.
L'azoto è uno degli elementi più importanti per gli organismi viventi, si trova in molecole come il DNA e le proteine​​, è necessario per tutta la vita sulla terra ed è usato in tutto il mondo come fertilizzante per le colture alimentari. E 'il nutriente che più spesso limita la crescita delle piante negli ecosistemi naturali.
In precedenza si era creduto che l'azoto potesse entrare negli ecosistemi solo dall'atmosfera - sia sciolto in acqua piovana o biologicamente "fissato" o assimilato da gruppi specializzati di piante e altri organismi. Perché la quantità di azoto atmosferico in questi percorsi è piuttosto limitata, si è pensato che la maggior parte degli ecosistemi, non avesse mai abbastanza di questo nutriente essenziale per facilitare la crescita delle piante al massimo delle loro potenzialità.
Seguendo questa linea di pensiero, è stato stimato che l'apporto di azoto da rocce nel nord della California è stato dello stesso ordine come fonti di azoto atmosferico, rese disponibili attraverso la fissazione e depositato tramite l'acqua piovana. "Per dirla in prospettiva, c'è abbastanza azoto contenuta in un pollice delle rocce presso il nostro sito di studio in california per sostenere completamente la crescita di una tipica foresta di conifere per circa 25 anni", ha detto il professor Randy Dahlgren, un biogeochimico e uno studio co-autore. "Questo azoto viene rilasciato lentamente nel tempo e aiuta a mantenere la fertilità a lungo termine di molte foreste della California," ha detto Dahlgren.
Per comprendere il movimento dell'azoto dalle rocce agli alberi, lo studio si è focalizzato principalmente sulla quantità di azoto presente nelle rocce, piante e suolo e hanno scoperto che le rocce che possiedono un più elevato contenuto di azoto hanno un impatto non indifferente nella fertilizzazione delle foreste.

I dati dello studio indicano che la quantità di carbonio immagazzinato nei terreni contenenti rocce ricche di azoto era quasi il doppio rispetto a quella dei siti dove erano presenti rocce povere di azoto nel nord dela California.  Inoltre, i ricercatori hanno utilizzato l'inventario dei dati foresta crescita dal Corpo Forestale dello Stato per determinare che questo non era solo un effetto localizzato.
 La produttività di tali regioni forestali raggiungeva un valore che era quasi il 50% superiore a quello delle altre zone dove le rocce non mostravano questa ricchezza in azoto.

Per confermare i dati ottenuti e per sottolineare il legame tra l'azoto presente negli alberi e quello presenti nelle rocce circostanti, i ricercatori hanno usato un vecchio trucco molto adoperato in tanti studi. Hanno tracciato il cammino dell'azoto sfruttando i suoi isotopi; e hanno scoperto che gli isotopi presenti nelle rocce corrispondevano a quelli dei terreni e degli alberi.

Implicazioni per il cambiamento climatico.
Secondo gli autori dello studio questa ricerca potrebbe avere implicazioni nei cambiamenti climatici.
I ricercatori sottolineano che, dal momento che l'azoto tende ad essere elevato nelle rocce di origine sedimentaria, che coprono circa il 75 per cento della superficie della Terra, la scoperta che l'azoto fondamentale ha il potenziale per stimolare la produttività delle foreste e stoccaggio del carbonio presente nell'atmosfera. Il carbonio presente sottoforma di gas (biossido di carbonio) è uno dei principali gas coinvolti nei cambiamenti climatici, la scoperta potrebbe avere una enorme importanza globale.
La scoperta sorprendente che le foreste possono anche nutrirsi di azoto nelle rocce ha il potenziale per cambiare tutte le proiezioni relative al cambiamento climatico.  Houlton uno degli autori, fa notare che  l'azoto sta diventando sempre più importante nel cambiamento climatico; studi e ricercatori hanno cominciato a includere l'azoto nei loro modelli di cambiamento climatico. Alcuni modelli indicano che tale nutriente potrebbe causare un ulteriore aumento delle temperature globali fino a un grado Celsius (1,8 gradi Fahrenheit) entro il 2010, in quanto limita la quantità di anidride carbonica che le piante intorno al mondo sono in grado di estrarre dall'atmosfera.
Se è disponibile più azoto di quanto previsto dall'azoto presente nel tradizionale azoto presente nel tradizionale ciclo, come lo studio UC Davis suggerisce, ciò potrebbe portare allo stoccaggio di carbonio sulla terraferma con una sua diminuzione nell'atmosfera. I ricercatori porteranno avanti ulteriori studi in altre parti del mondo per determinare se l'azoto nelle rocce porterà agli stessi risultati.


fonti: Nature

Nessun commento:

Posta un commento