Passa ai contenuti principali

PICCOLI INSETTI CHE SI NUTRONO DI ANFIBI.


Una nuova scoperta le interazioni predatore-preda tra i coleotteri di terra del genere Epomis e gli anfibi sono molto più complesse del previsto. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Zoo Keys.
Gli anfibi sono tipici predatori degli insetti e i coleotteri adulti sono in genere compresi nella loro dieta, in particolar modo gli scarabei di terra.
Precedenti ricerche hanno dimostrato che le larve di Epomis si nutrono esclusivamente di anfibi e che questa fonte di cibo è essenziale per il completamento del loro ciclo vitale, mentre la dieta dei coleotteri adulti è costituita da invertebrati terrestri, così come vertebrati morti. Lo studio di Wizen e Gasith dimostra che i coleotteri adulti del genere Epomis possono predare anfibi vivi, in aggiunta alla loro dieta regolare.
Secondo lo studio, il genere Epomis è rappresentato in Israele da parte di due specie: E. dejeani e circumscriptus E.. Nella pianura costiera centrale queste specie hanno una distribuzione simile, ma non si verificano negli stessi siti. I ricercatori hanno registrato la condivisione rifugio Epomis con anfibi durante il giorno, ma predare su di loro durante la notte. In laboratorio è stato osservato, il comportamento predatorio dei coleotteri adulti su cinque specie di anfibi: il Rospo smeraldino (Bufo viridis), il Savignyi's Frog (Hyla savignyi), il Levante Green Frog (bedriagae Rana), il tritone banda (vittatus Triturus), e la Salamandra (Salamandra salamandra infraimmaculata). Queste osservazioni hanno mostrato che la dieta delle due specie Epomis si sovrappone solo in parte, con solo una delle specie (dejeani E.) predare sulla Newt banda.

I risultati di questo studio servono come ulteriori elementi di prova che lo scarabeo Epomis, sia nello stadio larvale che in quello adulto,  è un predatore specializzato di anfibi.


Commenti

Post popolari in questo blog

IL POTENZIALE IDRICO NELLE CELLULE VEGETALI E NEL TERRENO.

Le piante hanno bisogno di una ingente quantità d'acqua per sopravvivere, solo che di tutta l'acqua che esse assorbono dal terreno, la stragrande maggioranza viene rilasciata nell'atmosfera sottoforma di vapor acqueo a causa di un processo noto come traspirazione ; di conseguenza le piante devono continuamente rimpiazzare l'acqua che perdono con altra che assorbono dal terreno. Ciò causa la formazione di un continuo flusso di acqua che va dal terreno all'atmosfera noto come continuum suolo-pianta-atmosfera . La traslocazione dell'acqua nel sistema suolo-pianta-atmosfera, si basa su differenze di potenziale idrico entro e fra queste tre componenti.

FATTORI ECOLOGICI: relazioni tra organismi e ambiente fattori limitanti e nicchia ecologica.

Il successo di un organismo in un determinato ambiente dipende dalla armonica interazione di vari fattori ecologici. Col termine fattore ecologico  indichiamo qualsiasi componente chimica, fisica, biologica, che può influire sul modo di vivere di un organismo, sulle sue capacità di sfruttare le risorse. L'insieme di fattori ecologici può essere suddiviso in modo un pò arbitrario in due grandi famiglie: fattori biotici e fattori abiotici. I primi sono rappresentati dalle interazioni intraspecifiche (competizione) e interspecifiche ( predazione , simbiosi mutualistica , parassitismo ecc...). Le seconde, sono fattori come il clima, la luce, le caratteristiche chimico-fisiche del suolo ecc...

DECOMPOSIZIONE DELLA MATERIA ORGANICA.

La disponibilità di nutrienti in un suolo può influenzare la produttività primaria , ma quale processo è coinvolto principalmente nel determinare la presenza dei nutrienti in un suolo? Un ruolo di fondamentale importanza è svolto dalla decomposizione. Per fare un paragone se con il processo fotosintetico si assiste alla sintesi di composti organici con la decomposizione si determina un rilascio di composti inorganici, se con la fotosintesi assistiamo ad una fissazione e trasformazione dell'energia solare in energia chimica di legame con la decomposizione abbiamo rilascio di energia nell'ambiente. Un ruolo primario nei processi di decomposizione della materia organica lo svolgono gli organismi del suolo.