Passa ai contenuti principali

I PLATELMINTI: parte 2

La scorsa settimana avevo accennato ai vari gruppi che costituiscono il grande phylum dei parassiti platelminti. Abbiamo brevemente visto i parassiti conducenti vita libera (Turbellari) e i parassiti conducenti vita da parassiti (Cestodi, Monogenei, Trematodi). I platelminti conducenti vita libera e i platelminti parassiti formano due gruppi separati non solo dal punto di ivsta delle modalità di vita ma costituiscono anche due gruppi ambientali profondamente diversi tra di loro.

Habitat e relazioni ambientali dei turbellari...
I turbellari conducenti vita libera ccupano un'ampia varietà di substrati del fondo in tutti i tipi di ambienti acquatici. Le specie più grandi, come le planarie dulciacquicole, policladi marini abbondano frequentemente sulle rocce, mentre rabdoceli e aceli più piccoli vivono nel fango o sua sabbia fine. Essendo organismi che vivono nell'acqua i turbellari dulciacquicoli sono fortemente influenzati da variazioni di temperatura, dall'ossigeno disciolto ecc... I turbellari che vivono negli stagni temporanei devono essere in grado di resistere e far fronte alle variazioni giornaliere sia della temperatura sia dell'ossigeno disciolto. Molte specie producono di veri e propri bozzoli resistenti in grado di circondare e proteggere le uova dall'essicazione e dal congelamento. Inoltre pochi organismi sembrano alimentarsi di turbellari, i quali secernono sostanze che non ne rendono il gusto particolarmente spiacevole. Altra curiosità i turbellari sono cannibali e si nutrono, oltre che di altre specie anche di altri turbellari.

...e dei parassiti.
Essere parassiti non è semplice. I parassiti sono adattati a due ambienti: l'ospite e l'ambiente esterno all'ospite. Le variazioni di ognuno di questi ambienti possono modificare il modo in cui il verme può influenzare il suo ospite.
Trovare e infestare nuovi ospiti non è un impresa molto semplice da attuare, molte specie di parassiti hanno aumentato la loro probabilità di sopravvivenza adattandosi alle abitudini e alle nicchie dei loro ospiti. Alcuni platelminti producono uova o larve soltanto durante le stagioni in cui sono disponibili gli ospiti. La maggior parte dei trematodi e dei cestodi ad esempio si sono evoluti in modo da sfruttare le relazioni predatore-preda dei loro ospiti; senza dimenticare che le uova sono in grado di resistere nell'ambiente esterno alle più svariate condizioni ambientali. I cicli biologici dei parassiti prevedono l'infestazione di uno o più ospiti prima di arrivare all'ospite definitivo. Basti citare qualche esempio di platelminti le cui forme larvali infestano tipicamente specie predate, e gli organismi adulti si sviluppano tipicamente nei predatori che si alimentano degli ospiti dei vermi larvali. Tipicamente pochi discendenti sopravvivono e portano a termine il ciclo biologico, ma la maggior parte delle specie compensa questo fatto producendo un numero enorme di discendenti durante ogni generazione.

Commenti

Post popolari in questo blog

IL POTENZIALE IDRICO NELLE CELLULE VEGETALI E NEL TERRENO.

Le piante hanno bisogno di una ingente quantità d'acqua per sopravvivere, solo che di tutta l'acqua che esse assorbono dal terreno, la stragrande maggioranza viene rilasciata nell'atmosfera sottoforma di vapor acqueo a causa di un processo noto come traspirazione ; di conseguenza le piante devono continuamente rimpiazzare l'acqua che perdono con altra che assorbono dal terreno. Ciò causa la formazione di un continuo flusso di acqua che va dal terreno all'atmosfera noto come continuum suolo-pianta-atmosfera . La traslocazione dell'acqua nel sistema suolo-pianta-atmosfera, si basa su differenze di potenziale idrico entro e fra queste tre componenti.

FATTORI ECOLOGICI: relazioni tra organismi e ambiente fattori limitanti e nicchia ecologica.

Il successo di un organismo in un determinato ambiente dipende dalla armonica interazione di vari fattori ecologici. Col termine fattore ecologico  indichiamo qualsiasi componente chimica, fisica, biologica, che può influire sul modo di vivere di un organismo, sulle sue capacità di sfruttare le risorse. L'insieme di fattori ecologici può essere suddiviso in modo un pò arbitrario in due grandi famiglie: fattori biotici e fattori abiotici. I primi sono rappresentati dalle interazioni intraspecifiche (competizione) e interspecifiche ( predazione , simbiosi mutualistica , parassitismo ecc...). Le seconde, sono fattori come il clima, la luce, le caratteristiche chimico-fisiche del suolo ecc...

DECOMPOSIZIONE DELLA MATERIA ORGANICA.

La disponibilità di nutrienti in un suolo può influenzare la produttività primaria , ma quale processo è coinvolto principalmente nel determinare la presenza dei nutrienti in un suolo? Un ruolo di fondamentale importanza è svolto dalla decomposizione. Per fare un paragone se con il processo fotosintetico si assiste alla sintesi di composti organici con la decomposizione si determina un rilascio di composti inorganici, se con la fotosintesi assistiamo ad una fissazione e trasformazione dell'energia solare in energia chimica di legame con la decomposizione abbiamo rilascio di energia nell'ambiente. Un ruolo primario nei processi di decomposizione della materia organica lo svolgono gli organismi del suolo.